martedì 6 ottobre 2009

Nato morto

Ad ogni trasmissione lo annunciano con tono solenne, in ogni telegiornale è la notizia di chiusura e prima e dopo ogni programma televisivo viene ricordato. No, tranquilli, nessuna edizione straordinaria per chissà quale catastrofe: è solo il passaggio al digitale terrestre. Tutta Mediaset è costantemente attiva per ricordarci di comprare il digitale terrestre perchè tra poco l'analogico non funzionerà più mentre la Rai lo dice solo una volta ogni tanto, quando si ricorda. Cioè: Mediaset (privata) ricorda a tutti gli italiani la cosa, Rai (pubblica) se ne frega. Ammesso questo scambio di ruoli ed ammesso che qualcuno sia veramente terrorizzato dall'eventualità di perdere i programmi Rai o Mediaset perchè sprovvisto del digitale terrestre, andiamo ad analizzare la "nuova" tecnologia introdotta. Il digitale permette di vedere programmi senza il consueto effetto neve o effetto sfarfallio tipico delle trasmissioni analogiche fino ad oggi utilizzate. Migliore qualità dunque, ma a quale prezzo? Semplice: mentre con l'analogico è facile raggiungere un compromesso (non si vede benissimo, ma si vede e mi basta) col digitale questo non si può fare: se si vede, è perfetto, impeccabile, privo di sbavature, ma se il segnale non arriva bene semplicemente non si vede. Magie del digitale. Andiamo oltre: con l'avvento del digitale sono apparsi nuovi canali a iosa. Ad esempio, Mediaset ora ha anche Iris (un canale che trasmette film vecchi, ma non come Rete4, molto molto più vecchi) e Boing (cartoni animati). A me pareva che Berlusconi (o relativi famigliari) non potesse neanche possedere Rete4 sia perchè non poteva avere più di due reti, sia perchè occupava le frequenze di Europa7. Ora ne ha cinque. Vabbè. Andando oltre vi è il problema dell'interattività tanto declamata. Per ora l'unica interattività che ho trovato è sui canali Mediaset; ogni tanto appare una miniatura del logo della rete in alto a sinistra in rosso. Se premi il pulsante rosso potrai godere - udite udite - di uno spot pubblicitario! Miracolo tecnologico! Ma le novità non finiscono qui. Un tempo, quand'ero piccino, c'era Tele+ (mi pare si chiamasse così, non l'ho mai avuto). Al tempo hanno inventato i canali sdoppiati per adattarsi alle esigenze del pubblico, ovvero c'era la stessa rete mandata in onda due volte ma una delle due era shiftata di un'ora. Una cosa ingegnosa in effetti. Vent'anni fa. Eppure oggi ancora ripropongono lo stesso sistema per simulare la flessibilità. Con quello che si è speso per cablare l'Italia intera in digitale, smantellare le vecchie infrastrutture dell'analogico e comprare i decoder, si sarebbe potuto cablare l'intero territorio con una dorsale in fibra per l'internet ad altissima velocità. Non può Canale5 e Canale5+1 ma semplicemente "io arrivo a casa all'ora che mi pare e per guardare quello che voglio guardare lo scelgo da una lista di disponibilità e premo semplicemente Play". Ma sarebbe tutto troppo semplice, meglio adottare una tecnologia morta in partenza e farla passare come innovativa. Interessante soprattutto l'idea di renderla obbligatoria, come se quando hanno inventato la radio FM avessero messo fuori uso la radio AM o quando hanno inventato l'automobile avessero messo fuorilegge la bicicletta. Cose assurde. L'unico motivo valido per attuare lo switch off sarebbe quello di vendere decoder per digitale terrestre. E allora, provate a indovinare di chi è la società che produce i decoder?

5 commenti:

Il Pifferaio ha detto...

Ciao.
Non ho ancora comprato il decoder e lo farò, forse, solo quando qui a Roma, faranno il passaggio completo. Per il moemnto rete 4 e rai 2 non mi mancano e se volgio vdere Santoro, per dire, me lo vedo sul sito della rai in streaming. Detto questo volevo aggiungere un paio di considerazioni al tuo post: la prima è che Fastweb, che ha mio padre in casa permette tramite banda larga, di selezionare i programmi già andati in onda sulle principali reti e vederti ad esempio I pormessi sposi del trio di qualche anno fa...ovviamente senza pubblicità e compreso nel canone che non so quanto sia in effetti; l'altra cosa da non dimenticare è che grazie al decoder, obbligatorio in tutte le case tanto che mi pare già da ora chi ha sky non potrà vedere la rai perchè uscita dal saltellite, o così era che volevano fare quelli di viale mazzini (altro regalo al berlusca per spingere anche chi preferiva la concorrenza a metersi un decoder in casa), dicevo grazie al decoder, la maggior parte delle famiglie ora si trova con la possibilità di comprarsi anche la tessera prepagata di mediapremium (che spesso ti regalano in promozione con l'aquisto del decoder) e sono sicuro che molti, che prima non ci avrebbero speso un euro, ora che ce l'hanno in casa, magari una partita ogni tanto se la vedranno.
A presto

Il Pifferaio ha detto...

perdona, avrei dovuto fare un controllo ortografico prima di postare. Me so perso un sacco di lettere :-)

www.federicorocchi.it ha detto...

Ci si dimentica spesso che la banda usata per le trasmissioni nel passaggio da analogico a digitale dovevano essere le stesse... quindi si commette un errore criticando l'obbligatorietà del passaggio.

Injo ha detto...

Già, veramente un ostacolo INSORMONTABILE.

Il Pifferaio ha detto...

tesi interessante quella di Federico Rocchi. Cambia tutto lo scenario in un sol colpo.